Più di 20 milioni di persone imparano una lingua straniera con Babbel su computer, tablet e smartphone. Tra questi ci sono anch’io.

Tutto iniziò nell’ottobre del 2017, quando stavo organizzando un viaggio a Londra.

È fin da quand’ero alle scuole materne che studio l’inglese. Avevo su per giù tre anni quando iniziai. Non ero in grado di leggere in alcuna lingua, ma sapevo dirti tutti i colori e gli animali della fattoria in inglese.

Proseguendo gli studi, il mio livello di conoscenza dell’inglese è migliorato. Eppure non è mai stato perfetto.

Volevo migliorarlo ulteriormente. Vuoi per gli studi, vuoi per il lavoro, vuoi perché oramai se non padroneggi bene l’inglese sei estremamente svantaggiato.

Il mondo parla inglese. E io non volevo essere da meno. Il viaggio a Londra fu solo la spinta che mi spronò a fare di più.

Lì per lì ero indeciso se fare un corso tradizionale, ma costava caro. Da buon tecnofilo finii sulla rete a cercare qualche buona soluzione, meglio se economica.

Cercai, ricercai e mi imbattei in Babbel, una piattaforma di apprendimento delle lingue straniere. Lo conoscevo già, ne avevo sentito parlare tante volte, ma non l’avevo mai provato. Ero scettico.

Delle volte si tende a essere un po’ tradizionalisti. Anche un ragazzo che si ritiene abbastanza innovativo lo è stato.

Temevo che Babbel potesse finire per essere una perdita di tempo e denaro. Credevo che avrei pagato, fatto qualche lezione senza costanza e lasciato tutto quanto.

E poi pensavo che in fin dei conti fosse meglio avere a che fare con un insegnante in carne e ossa che mi aiutasse a rimanere più concentrato sulla materia, che mi insegnasse i modi di dire, lo slang, l’inglese vero.

Mi sbagliavo.

Quando la realtà supera le aspettative

La partenza per la Gran Bretagna si avvicinava. Non mi andava di farmi trovare impreparato. Avevo fretta, tante cose per la testa e alla fine, nonostante le mie perplessità, Babbel, non mi sembrava così male.

Entrato sul sito ufficiale per documentarmi, mi diressi verso la pagina per effettuare la registrazione e lessi «20 giorni di garanzia soddisfatti o rimborsati senza se e senza ma!».

Fu abbastanza per tranquillizzarmi e convincermi a provarlo. Mi sarei iscritto e, qualora le mie perplessità fossero state confermate dall’esperienza di utilizzo, avrei chiesto un rimborso.

PROVA BABBEL GRATIS PER UN MESE

Com’è andata? Persino meglio di come mi aspettassi.

Non mi disiscrissi da Babbel, tutt’oggi continuo ad utilizzarlo con costanza e soddisfazione. Ho fatto passi da gigante con l’apprendimento della lingua inglese. È certamente anche merito mio, ma devo riconoscere che senza Babbel non sarebbe stato altrettanto facile.

Come funziona Babbel?

Il metodo proposto è molto innovativo. Babbel non ha nulla da invidiare rispetto a una lezione frontale, con un insegnante in carne e ossa. Offre molto di più.

Puoi studiare ovunque e in qualunque momento

Puoi utilizzare Babbel mentre prendi il sole al mare, in aereo, sul tuo divano, in treno, durante la pausapranzo, nel deserto, mente guidi – no, mentre guidi no: l’ho scritto per vedere se fossi attento. Ogni momento è buono per imparare una nuova lingua.

Puoi accedere a Babbel direttamente dal tuo broswer, o dall’app, disponibile per smartphone e tablet, da cui puoi scaricare le lezioni per studiare anche col dispositivo offline, senza internet disponibile.

Studi solo quello che ti interessa

Non ho studiato neanche per un momento qualcosa che non mi interessasse davvero.

Su Babbel le lezioni sono catalogate in corsi a seconda dell’argomento trattato e del livello di difficoltà. Se stai iniziando a imparare una nuova lingua da zero potrai seguire i corsi più basilari, al contrario, se già mastichi un certo idioma, puoi partire da corsi più avanzati e concentrarti solamente su specifici argomenti di tuo interesse o su cui credi di essere carente.

È immenso il programma che Babbel mette a tua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ovunque tu sia. Ci sono corsi per tutti i gusti.

Non dovrai portare con te nessun libro, insegnante o vocabolario

Dimenticati lo studio di tomi e tomi. Studiando con Babbel non ho mai avvertito la sensazione di star studiando per davvero.

Ciò che più conta per ottenere buoni risultati è essere costanti nello studio. Non bisogna strafare: sono sufficienti pochi minuti di studio ogni giorno. Infatti le lezioni sono brevi. Completarne una non richiede più di dieci minuti.

E se poi dimentico tutto?

Tramite un efficace sistema di ripasso programmato, Babbel fa in modo che tu non possa scordarti mai i nuovi vocaboli appresi. Grazie al metodo della ripetizione dilazionata il tuo trainer virtuale di ripasso sa quali sono le parole in cui sei più carente e sa esattamente quando è il momento di ripetere quello che hai imparato.

Puoi associare alla parola scritta la relativa pronuncia in modo semplice. Non è necessario che conosca i simboli fonetici per imparare efficacemente una nuova lingua. Babbel dispone di un utilissimo sistema di pronuncia dei vocaboli. Ogni volta che completi una frase o che scrivi una parola, questa viene pronunciata.

Puoi imparare ben 14 lingue diverse

Su Babbel puoi studiare:

  • inglese;
  • francese;
  • spagnolo;
  • svedese;
  • portoghese;
  • norvegese;
  • danese;
  • olandese;
  • tedesco;
  • polacco;
  • turco;
  • indonesiano;
  • russo.

Sono disponibili anche lezioni di italiano – ma dubito che occorrano proprio a te che sei arrivato a leggere questo articolo fin a questo punto senza problemi.

Costa meno di un caffè al giorno

Babbel offre diversi abbonamenti:

  • 9,95 €, se scegli l’addebito mensile;
  • 6,65 €, se scegli l’addebito ogni 3 mesi;
  • 5,55 €, se scegli l’addebito ogni 6 mesi;
  • 4,95 €, se scegli l’addebito ogni 12 mesi.

Insomma, spendendo meno di quel che spenderesti per bere un caffè al giorno, puoi imparare una nuova lingua, anche a partire da zero, senza averla mai studiata prima.

Vale la pena di provare Babbel?

Giunto a questo punto immagino abbia già intuito la risposta: se sei determinato a imparare una nuova lingua o vuoi migliorare quelle che già conosci, vale assolutamente la pena di provare Babbel.

Lo so, probabilmente non è il primo gennaio, potrebbe non essere lunedì e quasi certamente non è neanche il primo del mese. Ma non deve per forza essere il primo dell’anno né il primo del mese né lunedì per iniziare una nuova attività. L’anno, i mesi, le settimane, i giorni sono solo utili convenzioni sociali, nulla di più. Non vorrai mica farti limitare da queste. Vero?

Hai scelto di imparare una nuova lingua? Oppure vuoi migliorare la conoscenza di un idioma che già conosci? Fantastico! Il miglior momento per iniziare è… Adesso.

Queste sopra sono le mie idee. Per farti la tua hai venti giorni di prova.

PROVA BABBEL GRATIS PER UN MESE

5 commenti

  1. Ciao Federico. Vorrei migliorare l’inglese durante la quarantena. Pensi che Babbel sia meglio di un corso di lingue?

    • Ciao Alessia!
      Trovo sia un’ottima idea investire questo tempo libero per migliorare le tue competenze linguistiche.

      Non posso darti una risposta assoluta, però posso dirti la mia esperienza e la mia personalissima opinione. Ho seguito sia corsi tradizionali annuali, per i quali ho investito cifre a tre zeri, e tutt’oggi continuo ad utilizzare Babbel, infinite volte più economica.

      Non esagero se ti dico che, anche se Babbel costasse tanto quando un corso tradizionale, probabilmente continuerei a preferirla.
      Babbel è un’app eccellente, con un rapporto qualità-prezzo imbattibile. La trovo perfetta per migliorare nel reading e nel listening, a prescindere dal tuo livello linguistico iniziale. Per migliorare conversation ti suggerisco di utilizzare Tandem, app gratuita.

  2. Ritorno qua dopo qualche mese di utilizzo per ringraziarti per il suggerimento. Sono veramente soddisfatto di Babbel.
    Thanks!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta